San Valentino: kit di sopravvivenza (in rosa)

E anche il 2017 ci riporta in zona San Valentino,
festa dedicata a San Valentino da Terni, protettore degli innamorati e, dio sa perché, degli epilettici.
Narra la leggenda che un giorno il santo incontrò due giovani che stavano litigando, porse loro una rosa invitandoli a tenerla unita nelle loro mani e i due giovani fecero pace;

in un’altra versione riuscì ad ispirare nuovamente amore ai due giovani circondandoli di coppie di piccioni
in volo – da cui l’espressione “piccioncini”, pare.
La mitologia valentiniana, insomma, è sdolcinata e banale quanto le sue emanazioni – i bigliettini e i regali preconfezionati che in questi giorni stanno ricoprendo ogni scaffale. Che noia!
E però che noia pure i detrattori della festa, quelli che loro San Valentino figuriamoci, è già tanto se festeggiano il Natale.

Ora, onde evitare l’uno e l’altro eccesso, perché non considerare il quattordici febbraio semplicemente come un altro giorno in cui far sentire speciale la persona che amiamo?
Non servono grandi investimenti economici: basta una piccola idea carina e magari calibrata sui gusti dell’altro – una caccia al tesoro con indizi romantici, un album delle vostre foto più belle, ripercorrere i luoghi del primo appuntamento. Metterci un po’ di cura, insomma. Rendere il quattordici febbraio un giorno speciale da passare insieme.

Se invece di un po’ di budget effettivamente si dispone, chi può resistere alla tentazione di viaggiare?
Ecco tre idee per un weekend romantico, che sia quello di San Valentino o meno:

una giornata ad Ortigia

cosa fare a Varenna

le terme di Bormio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *