Come parlare a una donna? Questa la domanda a cui l’ospite maschile del mese ha cercato di rispondere. Nel mio lavoro spesso mi capita di incontrare persone che hanno bisogno di un piccolo aiuto per capire come sia meglio comportarsi con il proprio partner, un nuovo amore o una nuova storia. D’altro canto, ogni tanto, mi capita di confrontarmi con persone che hanno buone strategie per raggiungere i loro obiettivi… Questo mese ho chiesto ad un uomo di svelarmi le sue ‘istruzioni per l’uso’ per parlare a una donna. Lascio a voi giudicare i suoi consigli.

Love Tutor: Come parlare a una donna?

L’ospite del mese: Beh cari amici credo dal titolo avrete già capito tante cose e so che tanti di voi si sono già trovati nella mia stessa situazione. Ovviamente parlare a un uomo è sicuramente molto diverso rispetto al parlare a una donna ma spesso, nella vita di tutti i giorni, ce lo dimentichiamo. Per questo motivo, ecco qualche consiglio utile a riguardo…

  1. Il consiglio del meno cinque. Ci sono due argomenti da non affrontare con una donna e non mi riferisco a calcio e politica bensì all’età e al peso! Se per caso però vi trovaste travolti dagli eventi costretti ad entrare nell’argomento il mio miglior consiglio è pensate ad un numero (penserete avrà più o meno 40-42 anni, bene partire dal numero più basso è togliete 5 – e che Dio ve la mandi buona). Il consiglio del -5 vale anche per il peso.
  1. Ironia… No grazie! Dio creò l’uomo, poi la donna e poi l’ironia… ma quando fece il dono dell’ironia la donna era alla toelette…. Per cui niente ironia, sicuramente quel che dite potrà essere frainteso…
  1. Parlare vuol dire innanzitutto saper ascoltare! Come ognuno di noi, anche le donne amano essere ascoltate quindi dedicatele un po’ di attenzione: togliete cellulari e smartphone di mezzo e ascoltate con attenzione quel che hanno da dirvi… Ne avrete grandi benefici!
  1. Complimenti! Forse non tutti sanno che uno studio di Harvard ha dimostrato che le lodi sono sempre ben apprezzate… Voi direte beh, non ci voleva Harvard per capirlo! In realtà lo studio dimostra che la lode (anche quando è troppo ripetuta ed eccessiva) ha un effetto benefico su chi ci ascolta (al massimo il beneficio marginale andrà diminuendo ma non è mai negativo!).

Buona conversazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *